Logo BANTAM

CLUB ITALIANO BANTAM

Il perchè di un Club

In Italia, razze di polli come razze canine, per fare un esempio, vedono il loro sviluppo demografico e qualitativo legato molto di più ad un momento di moda che probabilmente ad una passione vera.
Sarà la nostra mentalità, italianicamente parlando, non radicata, fantasiosa, ecc. comunque determinante per l'elevazione o l'affondamento di una razza? Non lo so, comunque la Bantam non ne è stata esente. Prova ne è che alcuni anni or sono un gran numero di soggetti di questa razza popolavano le esposizioni, poi immancabilmente i numeri sono cominciati a divenire esigui fino a chiedersi se fosse ancora allevata. Ciò che non bisognava assolutamente perdere era la qualità raggiunta con grande impegno e fatica di chi aveva fin'ora selezionato.

Memore della mia esperienza decennale di allevatore-selezionatore (unico in Italia) di La Fleche nani (razza francese) vistosi aiutare in modo determinante dal club specifico di razza in merito alla ricerca di soggetti, di informazioni scientifiche e appoggio morale,ho inteso così suggerire a quei pochi allevatori di Bantam rimasti la volontà di intraprendere una via per riportare a livelli quantitativi decenti la presenza di soggetti sul territorio nazionale: appunto un club di razza.

Allettati dall'idea gli allevatori hanno risposto positivamente e così dopo aver espletato l'iter burocratico per il riconoscimento ufficiale da parte della F.I.A.V. , il 24 novembre 2002 a Reggio Emilia, in occasione dei Campionati Italiani e il primo incontro di razza, viene siglato l'atto costitutivo che dà il via ufficiale al club.

Attualmente ci sono 13 soci allevatori-selezionatori che imperterriti, anche se con tutte le difficoltà del caso, stanno lavorando per incrementare il numero di soggetti e colorazioni. Nel 2003, in base ai dati pervenutimi, posso affermare che sono nati non meno di 250 soggetti, di cui 200 neri e il rimanente in proporzione numerica nelle colorazioni collo arancio, collo oro, betulla oro (petto arancio), fulva e blu.

Numeri da cenerentola se rapportati a quelli della realtà tedesca, numeri non del tutti veritieri se consideriamo che oltre alla realtà della F.I.A.V. esistono molti appassionati della razza che agiscono in modo indipendente e quindi non censibili, ma comunque presenti ... è sufficiente visitare il sito per rendersene conto.

Lo scopo più vero del club consiste, non tanto nel procacciare tessere, ma nel fornire quel supporto, quella base scientifico-pratica a tutti coloro che allevano Bantam e che indistintamente contribuiscono alla diffusione della stessa.

In questo senso, in questa direzione, gli allevatori-selezionatori che ne fanno parte, con la loro esperienza e caparbietà , stanno lavorando e a tutti loro va il nostro grazie.

Valerio Lisa