COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Ayman Cenami

di Fabrizio Focardi
Ayman Cenami

Nel primo numero di quest'anno è stato pubblicato un mio articolo sulla Sumatra: nella prima parte, nei cenni storici, riporto come probabile origine, l'opinione di C.A. Finsterbuch, secondo il quale alla Sumatra avevano contribuito dei polli combattenti allora comunemente conosciuti, nell'Arcipelago della Sonda, come "Black Game" (Combattenti Neri - Gallus Morio); erano polli con caratteristiche morfologiche diverse, ma tutti con una identica peculiarità: il nero predominante, non solo nella colorazione del piumaggio, ma anche nella pelle, nella carne e nelle ossa. Erano polli piccoli con lunghe ali e coda abbondantemente impiumata.

La razza di cui parlerò si dice sia diretta discendente da questi polli.

È una razza fino a pochi anni fa sconosciuta in occidente. Oggi è riconosciuta, dal 2003, in Olanda ed in via di riconoscimento in Belgio e Germania.
L'origine è indubbiamente l'Isola di Giava; Cemani è il nome di un porto vicino alla città di Solo, Ayam non significa altro che pollo.

Come ho già detto la caratteristica peculiare è la pigmentazione nera: nero intenso a riflessi verdi è il piumaggio, nera è l'ossatura, le unghie ed il becco, come pure la lingua, la cresta, i bargigli, gli orecchioni, la carne e la pelle. Neri sono gli organi interni. Alcuni dicono che anche il sangue sia nero, ma questo è smentito dalla maggioranza.

È un pollo leggero - il gallo 2 / 2,5 Kg e la gallina 1,5 / 2 Kg. - che penso sarà incluso nella famiglia di "Polli Combattenti".
Ha un corpo compatto, ma non troppo largo; linea del dorso non troppo lunga e coda con abbondanti falciformi portata abbastanza rilevata. Le gambe ed i tarsi abbastanza forti. Cresta semplice con 5/7 punte.
Spero che la selezione occidentale miri a mantenere quelle caratteristiche autoctone senza strani, e per me criticabili tentativi di miglioramento.
Quest'anno, con l'occasione della "Mostra Europea della Livorno e dell'Ancona" che si terrà a Zuidlaren, spero essere presente alla nazionale olandese e spero veramente vedere questa rarità.

Se qualcuno di voi è interessato mi può contattare, sono a disposizione per maggiori informazioni.

Fabrizio Forcardi.