COMITATO TECNICO SCIENTIFICO

Standard italiano delle Razze Avicole
Attività e procedure di revisione e aggiornamento

Revisione e aggiornamento "Standard italiano delle razze avicole"

Come già anticipato in assemblea generale dei soci FIAV , il C.T.S. si è impegnato a portare avanti un lavoro di revisione dello standard italiano, rendendolo più attuale e corrispondente alle esigenze degli allevatori. Questo lavoro prevederà la riedizione degli standard con l’ introduzione di nuove colorazioni presenti nello standard europeo.
Per rendere partecipi gli allevatori della stesura/revisione abbiamo deciso di prevedere un periodo di "discussione" in cui ogni standard verrà pubblicato "in bozza" per mezzo del sito web della Fiav. In questo periodo (1 mese per ogni standard, dalla data di pubblicazione) gli allevatori potranno suggerire le proprie opinioni e considerazioni al C.T.S. inviandole alla casella di posta elettronica ctsitaliano@libero.it
Una volta terminato il periodo, il C.T.S. provvederà alla stesura definitiva dello standard.
Così facendo, all’ incirca alla fine di ogni anno, si potrà disporre di un aggiornamento che andrà a sostituire e/o integrare lo "standard italiano delle razze avicole".

Regolamento riconoscimento razze e/o colorazioni di nuova creazione

Il C.T.S. ,come avvenuto per le razze e/o colorazioni riconosciute in altri paesi aderenti all’ E.E., ha deciso di attualizzare anche il regolamento per le razze e/o colorazioni di nuova creazione.

Le nuove razze e colorazioni dovranno essere presentate in occasione dei Campionati Italiani di avicoltura.
Il o i proponenti dovranno fare richiesta di riconoscimento alla segreteria del Comitato Tecnico Scientifico federale allegando, a tale richiesta, bozza dello standard redatta sullo stesso modello di quelli in vigore.
Il C.T.S. lo valuterà e lo potrà eventualmente modificare.
Tale richiesta dovrà pervenire al CTS almeno due mesi prima della data di presentazione.
La presentazione dovrà avvenire consecutivamente secondo il seguente programma:

Primo Anno

In Visione: sei soggetti, tre maschi e tre femmine. Il C.T.S. valuterà la morfologia, la forma, il colore ed il disegno dei soggetti presentati, che dovranno rispecchiare lo standard. Al termine della valutazione, il C.T.S. aprirà la discussione agli allevatori esprimendo così la sua opinione al proseguimento o meno della selezione.

Secondo Anno

Nuove selezioni: quattro soggetti giovani, due maschi e due femmine, e due soggetti adulti, un maschio ed una femmina. I soggetti verranno giudicati. Se il punteggio medio raggiungerà MB95 la razza, o la colorazione, avrà l’ approvazione al riconoscimento che si perfezionerà con la pubblicazione ufficiale del nuovo standard nel notiziario federale e l’ inserimento nello "Standard italiano delle Razze avicole".

Terzo Anno

I soggetti giovani della nuova razza e/o colorazione potranno essere esposti e valutati in tutte le mostre federali.