VARIE E CURIOSITÀ

CRAAI: È nato un nuovo Club di Razza!

di Fabrizio Focardi

Sì, e nato il C.R.A.A.I., il "Club Razze Avicole Autoctone Italiane".
Ho sempre auspicato la nascita di un Club del genere e finalmente Pier Mario Rore Lazzaro si è rimboccato le maniche e, dopo un periodo di fitti contatti, ce l'ha fatta a realizzare uno dei miei tanti sogni avicoli.
Sarebbe stato migliore un club più selettivo, ma la nostra realtà non ce lo permette ancora e nessuna delle nostre razze va dimenticata.
In altri paesi, come ad esempio la Germania, non solo esistono "Club di Razza", ma addirittura, per alcune razze, "Club di colorazione".
Non voglio sminuire altri Club, ma questo era un fatto dovuto, se davvero si vuole aiutare tutte le nostre razze, per lungo tempo dimenticate.
Dopo l'ultima guerra, finiti i "grandi" dell'avicoltura italiana, c'è stato un vuoto assoluto. Con la nascita della F.I.A.V. la situazione ha ricominciato a prendere vita; personalmente, senza peccare di presunzione, ho insistito ed ho fatto di tutto per risvegliare l'interesse al recupero, ma soprattutto al ridare le giuste caratteristiche al nostro patrimonio avicolo per troppi anni lasciato a se stesso. Ad esempio per molto tempo si è presentato alle mostre come "Livorno" soggetti di razza "Italiana" allontanando, con standard e giudizi inadeguati, la giusta selezione.

A cosa serve un club di razza?
Un Club di Razza ben funzionante deve arrivare dove la struttura federale non può arrivare: un diretto contatto con i singoli allevatori per conoscerne i problemi e le difficoltà d'allevamento e selezione.
Il contatto con il Comitato Tecnico Scientifico (C.T.S.) e con l'Ordine dei Giudici deve essere continuo.
Tutto va indirizzato verso una linea comune, solo così darà buoni frutti; gli scambi d'opinioni, esperienze e perché no, soggetti, aiuteranno a raggiungere lo scopo.
Importantissimo portare le nostre razze in Europa e dimostrare così che le nostre non sono solo chiacchiere.

La struttura di partenza sarà essenziale: un referente, nella persona di Pier Mario Rore Lazzaro e la mia collaborazione per la parte tecnica. Purtroppo per impegni, sempre federali, non mi è possibile dare di più, ma assicuro fin d'ora di essere sempre disponibile per tutte le informazioni che posso dare.
Saranno poi organizzati corsi speciali ed incontri, dove tutti potranno raccontare le loro esperienze e dove sarà valutato quanto avvenuto nel passato, ma soprattutto quanto poter fare nel futuro, sia da un punto di vista organizzativo che di selezione dei nostri animali.
Sarà organizzato un campionato del club, il primo magari proprio in occasione dei prossimi Campionati Italiani, ma forse chiedo troppo, vedremo!

È necessario lavorare seriamente: le nostre razze ne hanno bisogno! E c'è bisogno di collaborazione, tanta. Quindi avanti, le iscrizioni sono aperte!

Chiudo con un "Grazie!" a Pier Mario Rore Lazzaro e gli auguro "Buon Lavoro".